Comune di Collepasso - Cuore Salentino

Vai ai contenuti

Menu principale:

Informazioni_comuni_provincia_di_Lecce

Comune di Collepasso

Popolazione: 6874 abitanti
Distanza dal capoluogo: 32 Km
Cap: 73040

NUMERI E INDIRIZZI UTILI
Municipio:   P.zza Dante   Tel. 0833/346836      Fax 0833/349000
Ufficio Postale:   via Pietro Nenni     Tel. 0833/341081
Polizia Municipale:   0833/345686
Guardia medica:    0833/345665
Stazione Carabinieri:   0833/346820

COME RAGGIUNGERCI:

Il centro abitato si puo' raggiungere da strade statali (n°16 Adriatica e n° 459 di Parabita, oppure n° 101 Salentina di Gallipoli e n° 497 di Maglie e Santa Cesarea Terme) o da strade provinciali varie interne.

ALTRE NOTIZIE
Mercato Settimanale:   Lunedì

Collepasso s'impone all'attenzione dello storiografo e dell'appassionato di studi locali per l'originalità del nome e per la singolarità della sua evoluzione storica.
Il toponimo, nella forma Koulopatze , è riportato in un pergamena greca del XII secolo, quale possibile traslitterazione ellenofona delle coeve forme d'archivio latino-volgarizzate Colopati e Colopaci ,presenti in diversi documenti pubblici del tempo.
Queste forme, risultato di processi di abbreviazione e fusione dei composti (Ni)colaus (Ipa)tius (casale di Nicola Ippazio o di Nicola di Ippazio) o più verosimilmente (Ni)colaus-pagi (casale del villaggio (lat. pagus/i) di Nicola o di San Nicola, sorto cioè dove esisteva un precedente insediamento così denominato ma distrutto probabilmente da incursioni saracene prima dell'anno Mille), costituiscono la vera antica denominazione del sito e dell'antico abitato dell'attuale Collepasso, e nella loro evoluzione volgarizzata (Colopatzi, Colupazo, Culopazze) sono pervenute sino a noi nella forma Culopazzo che non è, ome si crede, pronunzia dialettale dell'italiano Collepasso, bensì l'ultima evoluzione dell'originale denominazione del sito.

L'attuale nome Collepasso, invece, è costruzione linguistica storicamente recente, affermatasi nell'Ottocento, frutto di un processo di ingentilimento linguistico dell'antica denominazione attraverso forme latine settecentesche (Colyspassi,Lastra tombale con epigrafe funeraria in caratteri bizantini Collispassi, Collispatium) per ovvie ragioni eufoniche e come riferimento sul piano etimologico all'orografia del sito e all'antico pedaggio per l'attraversamento colle. Ancor meno attendibili si dimostrano altre etimologie proposte nel corso del tempo quali Collispascue, Collispascorum (Colle dei pascoli), Collis pacis (Collina della pace). Il casale o feudo di Colopati/Colopaci attestato nel corso del 1200 e del 1300, scomparve tra la fine del XIV e gli inizi del XV secolo e il suo territorio rimase spopolato, ossia privo di un nucleo umano stabilmente insediato, sino a tutto il 1700. Il feudo, però, continuò ad essere proprietà di varie dinastie feudali, le ultime delle quali furono le famiglie dei Massa e, a partire dal 1692, dei Leuzzi.
Alla fine del 1500 sul territorio di Collepasso è documentata la presenza di un certo numero di masserie nelle quali vivevano famiglie di coloni o lavoratori stagionali, che ovviamente non costituivano una comunità organizzata.
Agli inizi del 1800, nel territorio, si ricostituì il nuovo villaggio di Collepasso per iniziativa dell'ultima baronessa, Maria Aurora Leuzzi Contarini, e del conte Bartolomeo degli Alberti di Enno, che richiamarono sui terreni del feudo contadini provenienti dai paesi limitrofi, mediante concessioni enfiteutiche di appezzamenti di terreno a condizioni vantaggiose e con altri incentivi in denaro per dissodare i terreni e avviare le colture e, soprattutto, donando piccoli lotti intorno al palazzo baronale con l'esplicito intento di favorire la costruzione di abitazioni che, nei contratti enfiteutici, era una condizione vincolante per l'ottenimento dei terreni da parte dei contadini.
Si andò così costituendo il nuovo villaggio di Collepasso, come frazione del Comune di Cutrofiano. Nel 1907, con apposita legge proposta dal deputato galatinese Antonio Vallone, Collepasso venne elevato alla dignità di comune autonomo e il 10 dicembre 1911 veniva emanato il Regio decreto che determinava l'estensione territoriale del feudo, dopo una lunga e sofferta controversia con l'ex capoluogo Cutrofiano. Il 18 febbraio 1912 veniva eletto il primo Consiglio comunale del nuovo Comune di Collepasso.

Sito internet: http://www.collepasso.it


 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu